Otorinolaringoiatria e Patologia Cervico Facciale

Convenzionata SSN
Servizio Sanitario Nazionale

L’Otorinolaringoiatria rappresenta per l’ISMEISTUTUTO MEDICO EUROPEO di cui il Dott. Salvatore Piscitello è ilDirettore Sanitario, una branca specialistica di assoluto rilievo. L’Ambulatorio di Otorinolaringoiatria dell’ISMEdispone di una dotazione tecnologica moderna e di elevata qualità tecnica che permette l’attuazione di una notevole quantità di esami diagnostici.

VISITE SPECIALISTICHE E PRESTAZIONI AMBULATORIALI
CONVENZIONATE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE SSN PALERMO


Codice 897ORL-VISITA GENERALE OTORINOLARINGOIATRICA

La prestazione Visita Generale Otorinlaringoitrica rientra nell’AREA DELLE VISITE SPECIALISTICHEe viene erogata in convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale ( codice 897ORL, tariffa € 20,66 e € 10 di ticket della ricetta ) negli ambulatori convenzionati con il SSN

8901ORL – VISITA OTORINOLARINGOIATRICA DI
CONTROLLO


La prestazione di Visita Dermatologica Di Controllo rientra nell’AREA DELLE VISITE SPECIALISTICHE e viene erogata in convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale ( Codice 8901ORL, tariffa € 12,91 ed € 10 di ticket della ricetta per i paganti Ticket e nessun costo di Tariffa e Ticket per gli Esenti Ticket ) negli ambulatori convenzionati con il SSN.
• visita specialistica Otorinolaringoiatrica
• visita specialistica Audiologica
• visita specialistica foniatrica
• visita vestibologica
• diagnosi e terapie degli acufeni
• diagnosi e terapia della sordità
• diagnosi e terapie delle vertigini
• diagnosi e terapia della malattia di Ménière
• diagnosi e terapia delle Cefalee in Otorinolaringoiatria
• diagnosi e terapia delle Sindromi Algiche Cranio Facciali
• diagnosi e terapia della Sindrome delle apnee ostruttive del sonno (OSAS)
• esame audiometrico
• esame Impedenziometrico
• esame CocleoVestibolare
• Fibrolaringoscopia
• esame endoscopico nasale
• videostrobolaringoscopia
• terapia logopedica
• rinolaringoscopia
• cure Termali con acqua solfurea di Salso Maggiore Terme
• Aerosol
• Insufflazioni Endotimpaniche
• Politzer (Insufflazioni Endotimpaniche Pediatriche)
• chirurgia funzionale ed estetica del naso
• chirurgia ambulatoriale dei turbinati con COBLATOR

Negli ultimi anni il Dott. Salvatore Piscitello si è dedicato in particolar modo alla Diagnosi e Terapia degli acufeni, dellasordità, delle Vertigini, della Malattia di Ménière, delle Cefalee in ORL, delle Sindromi Algiche Cranio Facciali, e dal punto di vista chirurgico alla Chirurgia Funzionale edEstetica del Naso e alla Chirurgia Ambulatoriale del Nasoe della Gola.
L’Otorinolaringoiatria rappresenta, per numero di interventi, la prima branca specialistica dell’Isme, in particolare per quanto concerne la chirurgia estetica e funzionale del naso (rinoplastica, settoplastica, interventi sui turbinati).
Questi interventi vengono eseguiti in anestesia generale, in regime di ricovero diurno presso strutture sanitarie complesse che collaborano con l’ISME.


L’ORECCHIO


IL NASO

ANATOMIA DEL NASO

Il naso è composto da uno SCHELETRO OSSEO, da uno strato muscolare, da un rivestimento esterno cutaneo e da un rivestimento interno mucoso.

Lo SCHELETRO OSSEO è formato da due OSSA NASALI di forma grossolanamente rettangolare unite tra di loro sulla linea mediana. Il loro margine laterale si congiunge alla branca montante del mascellare superiore, il margine superiore si articola con il margine inferiore del processo nasale dell’osso frontale ed infine il margine inferiore è in contatto con le parti cartilaginea dello scheletro della piramide nasale. Alla formazione dello scheletro osseo concorrono anche la BRANCA MONTANTE DEL MASCELLARE SUPERIORE, l’APOFISI PALATINA, il VOMERE e l’ETMOIDE.

Lo scheletro cartilagineo è costituito da tre cartilagini principali: la CARTILAGINE QUADRANGOLARE impari e mediana, le due CARTILAGINI LATERALI o triangolari e le CARTILAGINI ALARI


Il setto nasale

La CARTILAGINE QUADRANGOLARE, la lamina perpendicolare dell’etmoide situata posteriormente ad essa e il vomere in basso costituiscono il cosiddetto SETTO NASALE che separa l’una dall’altra le due fosse nasali o cavità nasali. In ognuna delle cavità nasali si possono distinguere quattro pareti. La parete MEDIALE è costituita dal setto nasale, la parte inferiore o pavimento della fossa nasale è costituita da processo palatino del mascellare e dalla lamina orizzontale dell’osso palatino. La parete laterale presenta tre lamine ossee convesse medialmente, lateralmente connesse alla parete laterale delle cavità nasali, rivestite da mucosa che prendono il nome di TURBINATI. La lamina ossea che costituisce i turbinati è rivestita da mucosa microscopicamente caratterizzata da un epitelio cilindrico stratificato con presenza di cellule CILIATE e CALICIFORMI MUCIPARE. La sottomucosa presenta uno stato vascolo-ghiandolare con le caratteristiche del tessuto cavernoso erettile. I turbinati posseggono una estremità anteriore o TESTA DEL TURBINATO ed una estremità posteriore CODA DEL TURBINATO.
I turbinati si distinguono, procedendo dal basso verso l’alto in inferiore, medio e superiore. La lamina che forma lo scheletro del turbinato inferiore è un osso indipendente che si articola con il mascellare, lo scheletro osseo dei turbinati medio e superiore è costituito da due espansioni mediali delle masse laterali dell’ETMOIDE. Ogni turbinato delimita superiormente e medialmente uno spazio libero che prende il nome di meato. Pertanto esistono tre meati (superiore, medio ed inferiore). Lo spazio delimitato lateralmente dai turbinati superiore e medio e medialmente del setto prende il nome di fessura olfattiva. La mucosa olfattiva, che riveste la fessura olfattiva presenta uno spessore di circa 1 mm. e presenta un colorito giallino. E’ formata microscopicamente da epitelio prendostratificato e comprende delle cellule specializzate: le cellule neuro-sensoriali o cellule di SCHULTZ.
Le cellule di SCHULTZ presentano in alto delle espansioni che prendono il nome di CIGLIA OLFATTORIE che si immergono nel muco che riveste la mucosa. All’estremità opposta tali cellule presentano gli ASSONI AFFERENTI che insieme vanno a costituire i filuzzi del nervo olfattivo che passando attraverso la lamina cribrosa dell’etmoide (volta delle cavità nasali) raggiungono i bulbi olfattivi della fossa cranica anteriore. Nel meato inferiore sbocca il dotto naso-mascellare. Nel meato medio sboccano gli ostii e i dotti delle cavità sinusali etmoidali, mascellari e frontali. Al di sotto del turbinato medio è possibile evidenziare procedendo in senso antero-posteriore una sporgenza uncinata detta PROCESSO UNCINATO. Il Processo Uncinato con la parete ossea laterale delimita un canale detto INFUNDIBOLO nel cui fondo si apre l’OSTIO del seno mascellare. Procedendo ancora posteriormente si può evidenziare una protuberanza: la BULLA ETMOIDALE.
La bulla e il processo uncinato delimitano uno spazio: lo HIATUS SEMILUNARIS che è in continuità con l’infundibolo. Nello HIATUS SEMILUNARIS sboccano gli orifizi delle cellule etmoidali anteriori e dei seni frontali. Le CELLULE ETMOIDALI POSTERIORI sboccano nel meato superiore.


FISIOLOGIA DEL NASO

Il naso svolge due funzioni essenziali: una funzione respiratoria e una olfattiva. Nell’ambito della funzione respiratoria il compito del naso, o meglio delle cavità nasali, è quello di filtrare, purificare, umidificare e riscaldare l’aria esterna che, durante gli atti inspiratori penetra all’interno di essa. L’epitelio che riveste le fosse nasali, è coperto completamente da uno strato mucoso in cui sono immerse le ciglia vibratili delle cellule che lo compongono.
L’insieme di queste due unità costituisce un unicum funzionale: il SISTEMA MUCOCILIARE.
Esso costituisce una barriera di fondamentale importanza nella difesa, e della mucosa respiratoria, e di tutte le vie aeree dalla aggressione e intrusione di agenti esterni sia di natura biologica (batteri, virus e miceti) che fisica (polveri, sostanze nocive, corpuscoli veicolati dal mezzo ambiente). Le particelle di varia natura che penetrano con l’aria nelle fosse nasali vengono a contatto con il muco che riveste l’epitelio e vi vengono inglobate grazie alle proprietà adesive del muco stesso. Contemporaneamente il movimento delle ciglia vibratili determina la progressione del muco contaminato verso l’oro-faringe dove una volta giunto viene espettorato o deglutito. Il frutto di questo sinergismo viene definito TRASPORTO MUCO-CILIARE.
Il trasporto muco-ciliare svolge quindi le fondamentali funzioni di purificazione e filtro dell’aria inspirata. Per le altrettanto importanti funzioni di riscaldamento e umidificazione è invece fondamentale il ruolo del sistema vascolare sotto-mucoso. Esso è costituito da una rete ANASTOMOTICA ARTERO-VENOSA, dai PLESSI CAVERNOSI e dal MICROCIRCOLO SOTTOEPITELIALE. Questa ricchezza di vasi e le loro caratteristiche rendono ragione di molti “fenomeni nasali” quali le reazioni allergiche, le rinopatie vasomotorie, le ostruzioni nasali intermittenti. I turbinati, ad esempio, e soprattutto quello inferiore, sono estremamente ricchi di tali formazioni vascolari con particolare riferimento ai PLESSI CAVERNOSI, caratterizzati da una notevole capacità di distensione che permette loro, in condizioni particolari, di riempirsi di sangue condizionando le dimensioni dei turbinati stessi ed in ultima analisi i flussi aerei nasali. Tutto il meccanismo è regolato da un complesso sistema di innervazione autonoma SIMPATICA-PARASIMPATICA che agendo sulle varie strutture SFINTERICHE può determinare rapidi aumenti o diminuzioni di volume della sottomucosa. Il tutto si traduce in un rallentamento o accelerazione dei flussi nasali con maggiore o minore possibilità di cedere calore e umidificare l’aria in transito. Per quanto attiene alla funzione olfattiva va detto brevemente che i meccanismi che portano dallo stimolo odoroso al crearsi di un potenziale elettrico (potenziale d’azione) che viene veicolato attraverso il nervo olfattivo e quindi giunge a livello di coscienza non è stato ancora dimostrato con certezza. Attualmente si ritiene che le sostanze odorose, caratterizzate da molecole di basso peso molecolare e fortemente idrosolubili per poter facilmente “sciogliersi” nel muco nasale, vengano veicolate dal muco fino a giungere a contatto con le ciglia olfattive delle cellule di SCHULTZ. Esse si legherebbero alle cellule attraverso dei recettori trans-membranari. Tale legame permetterebbe la sintesi di messaggeri come l’AMP-ciclico che determinerebbe l’apertura dei canali cationici di membrana determinando una depolarizzazione sufficiente ad innescare il potenziale d’azione alla base del SEGMENTO ASSONICO della cellula olfattiva.

PATOLOGIE NASALI:
-Apnee Notturne e Russamento
-Cefalea Rinogena
-Corpi estranei delle fosse Nasali.Rinolitiasi
-Deviazione del Setto Nasale
-Deficit funzionali della Valvola Nasale
-Epistassi
-Fratture Nasali
-Ipertrofia dei Turbinati
-Sindrome Rinobronchiale
-Sinusite Cronica
-Poliposi Nasosinusale
-Riniti Acute
-Riniti Allergiche
-Riniti Ipertrofiche
-Rinite Vasomotoria

CHIRURGIA DEL NASO :

CHIRURGIA ESTETICA DEL NASO
-Rinoplastica
-Rinoplastica con solo Rinofiller
-Rinosettoplastica
-Rimodellamento della Punta Nasale
-Rimodellamento del Dorso Nasale
-Profiloplastica (Naso,Bocca,Mento)

RINOPLASTICA
-Rinoplastica Chiusa
-Rinoplastica Aperta
-Rinoplastica in Età Pediatrica

RINOPLASTICA CORREZIONE DEI DIFETTI ESTETICI PIÙ COMUNI DEL NASO
-Rinoplastica della gobba sul dorso del naso
-Rinoplastica per naso a becco di pappagallo
-Rinoplastica per naso a Pinocchio
-Rinoplastica per naso a sella
-Rinoplastica per naso negroide
-Rinoplastica per rinomegalia

CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
-Settoplastica
-Ricostruzione della Valvola Nasale
-Polipectomie Nasali
-Chirurgia dei Turbinati
-Chirurgia di base della Piramide Nasale e del Setto
-Chirurgia della Parete Laterale
-Chirurgia del Naso deviato
-Dacriocistorinostomia intranasale

CUIRURGIA RICOSTRUTTIVA DEL NASO
-Chirurgia Riparatrice della Piramide Nasale
-Chirurgia delle Perforazioni Settali
-Trapianti ed Innesti nella Settorinoplastica

CHIRURGIA AMBULATORIALE DEL NASO
-Chirurgia Ambulatoriale dei Turbinati con Coblator


LA GOLA

FARINGE
🌎Angine acute
Rinofaringiti del bambino
Roncopatia cronica

CAVITÀ BUCCALE. GHIANDOLE SALIVARI
Patologia salivare medica

LARINGE
Diagnosi delle dispnee laringee del bambino
Diagnosi delle dispnee laringee dell’adulto
Laringiti acute nell’adulto
Laringiti croniche dell’adulto
Laringiti acute con dispnea nel bambino

AUDIO-FONOLOGIA
Disturbi della voce e dell’articolazione nel bambino
Disfonie non organiche (disfunzionali)

TRACHEA E BRONCHI
Anomalie congenite della trachea e dei grandi bronchi

ESOFAGO
Laser in ORL : Vantaggi comparati. Uso. Indicazioni correnti
Manifestazioni ORL del reflusso gastroesofageo
Diverticoli faringoesofagei

REGIONE CERVICALE
Adenopatie cervicali
Tumori del corpo tiroideo
Tumori della tiroide: correlazioni citologiche e istologiche; apporto delle nuove tecnologie

TECNICHE SPECIALIZZATE
Ecodoppler delle arterie carotidi
La crenoterapia in otorinolaringoiatria

MALATTIE GENERICHE E ORL
Algie craniofacciali

CHIRURGIA DELLA FARINGE
Adenoidectomia. Tonsillectomia
Trattamento chirurgico della roncopatia associata o non alla sindrome da apnea notturna

CHIRURGIA DELLA LARINGE
Fonochirurgia dei tumori benigni delle corde vocali
Chirurgia dei tumori benigni della laringe

CHIRURGIA DELLA TRACHEA
Tracheotomia

CHIRURGIA DEL COLLO
Tiroidectomia
Chirurgia delle ghiandole paratiroidee
Svuotamenti linfonodali cervicali
Chirurgia delle ghiandole paratiroidee
Chirurgia delle malformazioni congenite del collo nel bambino
Parotidectomie
Chirurgia della ghiandola sottomascellare. Chirurgia della ghiandola sottolinguale


Il CUP (Centro Unificato di Prenotazione) dell’ISME-ISTITUTO MEDICO EUROPEO di Palermo nasce con lo scopo di garantire al paziente un servizio efficiente per la prenotazione di prestazioni sanitarie.
Il servizio consente di stabilire una comunicazione efficace e diretta tra il paziente e le prestazioni specialistiche che la nostra strutture sanitaria offre
Cosa serve per fare una prenotazione?

  • Richiesta del Medico di Medicina Generale
  • Tessera sanitaria regionale
  • Documento di identità valido
  • Numero di telefono cellulare

Come si può prenotare?

•.☎️Telefonicamente Attraverso CUP 091324250 e 0267071169
Lunedì e Venerdì
dalle ore 08:30 alle ore 20:00;
Sabato
dalle ore 09:00 alle ore 18:00.

  • Mediante Whatsapp al numero 📳3292831438, inviando i documenti sopra indicati
  • Agli sportelli del CUP, dal Lunedì al Venerdì dalle ore 09:00 alle 13:00 e dalle ore 15:00 alle ore 20:00.Sabato dalle ore 09:00 alle ore 13:00.
  • Inviando una email all’indirizzo info@istitutomedicoeuropeo.it, inviando i documenti sopra indicati.
  • Utilizzando il format modulo di richiesta prestazione medica del Sito,per prenotare online.


Come si può annullare una prenotazione?Per annullare una prenotazione, almeno tre giorni prima dell’appuntamento, si può:

  • Inviare una richiesta mediante Whatsapp al numero 📳3292831438
  • Telefonare al CUP ☎️091324250-.0267071169 dal Lunedì al Venerdì dalle ore 08:30 alle ore 20:00;Sabato dalle ore 09:00 alle ore 18:00.
  • Recarsi agli sportelli del CUP, dal Lunedì al Venerdì dalle ore 09:00 alle 13:00 e dalle ore 15:00 alle ore 20:00;Sabato dalle ore 09:00 alle ore 13:00.
  • Inviare una email all’indirizzo info@istitutomedicoeuropeo.it,indicando il codice della prenotazione e allegando documento di identità.